Cuba

Informazioni generali

Nome completo
Capitale Havana
Superficie 109,884 km2
Popolazione 11,238,317
Densità di popolazione 102/km2
Maggiori città Santiago de Cuba, Camaguey, Holguìn, Santa Clara
Forma di governo Stato socialista
Religioni ufficiali Cristiani 59.22%, Agnostici 17.98%, Animisti 17.18%, Atei 5.07%
Moneta Peso (CUP)
PIL $78.694 billion
Crescita PIL 3,1%
Inflazione 6%
Lingue ufficiali Spagnolo
Situazione politica Presidente del Consiglio di Stato e Presidente del Consiglio dei Ministri Miguel Mario Díaz-Canel Bermúdez (dal 19 April 2018); Primo Vice Presidente del Consiglio di Stato e Primo Vice Presidente del Consiglio dei Ministri Salvador Valdés Mesa (dal 19 aprile 2018)

Perchè Cuba

Il governo continua a bilanciare la necessità di allentare il suo sistema economico socialista contro un desiderio di controllo politico fermo. Il governo nell\'aprile 2011 ha tenuto il primo Congresso del Partito comunista cubano in quasi 13 anni, durante il quale i leader hanno approvato un piano di ampio respiro di cambiamenti economici.

Focus on: il Porto di Mariel e la costituzione di una Zona Economica Speciale

Il progetto di ristrutturazione del porto di Mariel e di creazione di una zona economica speciale acquisisce un’importanza capitale per Cuba e i mercati europei. La nuova Zona Especial de Desarrollo di Mariel vede la cooperazione tra aziende di Stato cubane e alcune multinazionali straniere, attive soprattutto nel ramo ingegneristico e edile. Il nuovo porto di Mariel (costo stimato 900 milioni di dollari), con 55 ettari d’area e 700 m di banchina, potrà ospitare navi post-Panamax con un pescaggio superiore a quello del porto dell’Avana. Grazie a questi moli e ai suoi magazzini, si stima che potrà gestire fino a 800.000 container l’anno, di contro ai 350.000 dell’Avana.

In un secondo momento, il porto potrà essere esteso a 128 ettari, con 2400 m di banchina e fino a 3 milioni di container annui. La sua posizione, sulla costa settentrionale di Cuba, 45 km ad ovest dell’Avana, è particolarmente strategica, con 32 porti di 17 diversi Paesi entro 1000 km di distanza. Tuttavia, il piano non si limita al porto, ma prevede lo sviluppo di tutta l’area circostante. Infatti, una zona economica speciale (la prima a Cuba) di 465 kmq sarà aperta agli investimenti stranieri. In particolare, si mira ad impianti di prospezione petrolifera, all’industria leggera e ad aziende miste attive nel ramo delle biotecnologie, settore trainante della ricerca cubana. Le aziende straniere pagheranno il 12% sui profitti dopo 10 anni e 1% su vendite e servizi dopo 1 anno, ma l’assunzione di manodopera avverrà attraverso canali pubblici.

Opportunità di investimento in Cuba

Riforma degli investimenti esteri approvata nel 2014 al fine di progettare gli investimenti esteri come fonte di sviluppo economico per il Paese a breve, medio e lungo termine; promuovere gli investimenti esteri sulla base di un ampio e diversificato portafoglio di progetti; orientare la maggior parte degli investimenti stranieri verso il settore delle esportazioni; autorizzare la costituzione di società interamente estere per l’esecuzione degli investimenti che lo richiedono per complessità e importanza, soprattutto per lo sviluppo delle infrastrutture industriali.

Programmi in corso