Kazakistan

Informazioni generali

Nome completo Repubblica del Kazakistan
Capitale Nur-Sultan
Moneta Tenge (₸) (KZT)
Lingue ufficiali Kazako (lingua ufficiale dello Stato) Russian (co-ufficiale)
Passaporti e visto Regime di esenzione dal visto

Perchè Kazakistan

Economia: Nonostante il forte deprezzamento valutario registrato tra il 2013 e il 2016, il Kazakistan è la più grande economia dell'Asia centrale sia in termini assoluti che pro capite. Il paese ha registrato un rallentamento della crescita economica dal 2014 provocato dal calo dei prezzi del petrolio e dagli effetti della crisi in Ucraina. Tuttavia, grazie alla rapida crescita economica degli ultimi due decenni, nel 2015 la Banca Mondiale ha classificato il Kazakistan come un paese a reddito medio-alto con un PIL di 179 miliardi di dollari, un PIL PPA di 500 miliardi di dollari, e un PIL pro capite cresciuto da un valore di $ 8,500 a fine degli anni '90 a $ 27,500 nel 2018.

Il Kazakistan è un importante produttore di energia a livello mondiale. Si colloca tra i primi 15 Paesi del mondo per le sue comprovate riserve di petrolio, carbone e uranio, e tra i primi 20 il gas naturale. Leader mondiale anche nella produzione delle già menzionate risorse come l’uranio, il Kazakistan si colloca costantemente tra i primi 10 paesi per produzione di carbone e nella top 20 per il petrolio. È anche il più grande emettitore di gas serra (14 ° in tutto il mondo) e il secondo paese ad alta intensità energetica della regione.

A causa del deprezzamento legato al petrolio tra il 2013 e il 2016, il Paese ha cominciato ad intraprendere la strada della diversificazione, anche se il settore energetico continuerà a svolgere un ruolo significativo per l'economia nazionale. Il settore petrolifero e del gas rappresenta un quinto del PIL del Paese (21,3% nel 2018), circa i due terzi delle entrate totali delle esportazioni (70% nel 2018) e quasi la metà delle entrate del bilancio statale (44% nel 2018). Questo settore è stato anche la destinazione principale per gli IDE all'interno del Paese. Pertanto, le normative e i meccanismi di attuazione appropriati sono aree critiche per la gestione futura della dotazione di risorse energetiche del Kazakistan e della sostenibilità a lungo termine.

Principali esportazioni e partners: petrolio e suoi derivati (70%); metalli (14%), prodotti alimentari (5%). La maggior parte del petrolio e dei suoi derivati viene esportata in Europa (75%), principalmente nell'UE; più della metà (53%) dei metalli e dei suoi derivati viene esportata nei paesi asiatici; oltre la metà (51%) dei prodotti alimentari viene esportata nei paesi della CSI.

I principali partner di esportazione sono Italia (19%), Cina (10%), Paesi Bassi (10%), Russia (9%).

Principali importazioni e partners: macchinari e attrezzature (40%), prodotti dell'industria chimica (16%), metalli e articoli correlati (13%). Oltre un terzo dei macchinari e delle attrezzature proviene dai paesi asiatici (35%); Il 43% dei prodotti dell'industria chimica proviene dai paesi della CSI, e dalla Russia in particolare (39%). Più della metà dei metalli e dei loro articoli sono importati dalla Russia (51%).

I principali partner di importazione sono Russia (38%), Cina (17%), Germania (5%), Italia (5%).

Settore primario: l'agricoltura rappresenta circa il 5% del PIL del Kazakistan. Cereali, patate, uva, ortaggi, meloni e bestiame sono i prodotti agricoli più importanti. Il terreno agricolo occupa più di 846.000 kmq (327.000 miglia quadrate). Oltre l'80% della superficie totale del paese è classificata come terreno agricolo, di cui quasi il 70% occupato da pascoli. Il suo terreno coltivabile ha la seconda più alta disponibilità per abitante (1,5 ettari). I prodotti principali del bestiame sono latticini, cuoio, carne e lana. Le principali colture del paese includono grano, orzo, cotone e riso. Nel 2019, il 14,89% dei lavoratori in Kazakistan era attivo nel settore agricolo.

Settore secondario: Il settore secondario in Kazakistan rappresenta circa il 34% del PIL, impiegando il 21,36% dei lavoratori. L'industria petrolifera e del gas guida il settore secondario in Kazakistan, rappresentando un quinto del PIL del paese (21,3% nel 2018), circa due terzi dei proventi totali delle esportazioni (70% nel 2018) e quasi la metà delle entrate del bilancio statale (44% nel 2018). Inoltre, il Kazakistan ha vasti depositi di uranio, metalli preziosi, metalli, minerali, leghe, ferroleghe e minerali.

Settore terziario: Il terziario si sta ancora sviluppando a ritmo costante e nel 2019 la forza lavoro impiegata nel settore dei servizi rappresentava il 63,75% del totale, producendo circa il 58% del PIL. Il settore finanziario, i trasporti e la tecnologia sono i principali servizi prodotti nel paese. Oggi il turismo non è una pilastro portante dell'economia. Secondo il Travel and Tourism Competitiveness Report 2017 del World Economic Forum, il PIL dell'industria dei viaggi e del turismo in Kazakistan è di 3,08 miliardi di dollari o 1,6% del PIL totale Sebbene non sia ancora molto sviluppato, sta registrando una forte crescita.

Opportunità di investimento in Kazakistan

Il Kazakistan ha attirato circa 25 miliardi di dollari di investimenti diretti esteri e la quota delle piccole e medie imprese nell'economia ha raggiunto il 29,5% nel 2019. Il numero di imprese operative è cresciuto dell'8% nel 2019.

Secondo il rapporto Doing Business 2020 della Banca Mondiale, il Kazakistan è al 25° posto per facilità di fare affari, mentre al 4° posto per il rispetto degli accordi contrattuali, 7° per protezione degli investitori di minoranza, 22° per facilità nell'avvio di un'impresa, 24° in termini di registrazione di proprietà, 37° per la gestione dei permessi di costruzione.

Il nuovo quadro giuridico recentemente adottato in Kazakistan ha stabilito alcuni incentivi per il funzionamento e lo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili in Kazakistan (ad esempio, centrali eoliche, solari, geotermiche, a biomasse / biogas e centrali idroelettriche con una capacità inferiore a 35 MW).

In sintesi, i principali meccanismi di supporto per lo sviluppo delle energie rinnovabili sono:

 • Garanzie di stabilità tariffaria - le tariffe sono approvate per un periodo di 15 anni e sono soggette a indicizzazione annuale in base all'inflazione. L'indicizzazione tariffaria rispetto alla differenza dei tassi di cambio è possibile nei progetti finanziati con prestiti in valuta estera.

Acquisto garantito dell'intero volume di elettricità generata prodotta con centrali rinnovabili da società interamente statale, Accounting and Finance Center LLP ("AFC")

Connessione e accesso alla rete garantiti: i gestori di rete sono tenuti a collegare in via prioritaria gli impianti di energia rinnovabile.

Esenzione dai canoni di servizio per la trasmissione di energia elettrica.

In Kazakistan sono state fissate tariffe relativamente elevate, diverse volte superiori alla soglia fissata per le centrali elettriche tradizionali, per attirare l'attenzione degli investitori.

Lo schema di cui sopra rende i progetti di energia rinnovabile più favorevoli agli investitori e, attualmente, alcuni importanti attori del mercato e istituzioni per gli investimenti stanno prendendo in considerazione investimenti in quest'area del settore energetico. Inoltre, tenendo conto delle proposte dell'Associazione KAZEnergy, l'asta è stata designata come meccanismo privilegiato per la selezione dei progetti. Nel 2017 sono stati introdotti emendamenti alla Legge sul Supporto all'uso delle Fonti Energetiche Rinnovabili, che prevedono l'organizzazione di aste inverse per nuovi progetti di energie rinnovabili (questo meccanismo non si applica agli impianti esistenti o ai progetti in costruzione che già utilizzano tariffe fisse).